Santo Agostinho - Confessioni (Libro XI) - (italiano)

Nel libro XI, Santo Agostino mette Il problema del Tempo, lo che è, da dove viene, como puoi essere compreso e missurato dall´uomo.
Per Il santo filosofo, lo fondamento di tutto è Il próprio Dio, che è eterno, e il tempo è opera della sua creazione. Il tempo, como tutte le creature di Dio, vieni in un solo momento (rationes seminales). Per egli, Il tempo è dato dal Logos di Dio (Verbo Eterno), ma Il Logos non ha successione, Il tempo invece lo ha (4).
Cosí, Il tempo è primeramente nella Intelligenza Divina, che è eterna e poi vieni ad esistenza attraverso un atto libero della volontà di Dio (5-6). La difficoltà di comprensione del tempo consiste infatti che Il tempo non può misurare all'eternità, perchè l’uomo non può pensare fuori dal tempo.
Sant’Agostino, sugere uma analisi del tempo da una prospettiva psicológica dell´uomo stesso, perché la voce di Dio è sentita da uomo nel tempo attraverso la sua coscienza, che anche è una creazione di Dio (6).
Egli giustifica Il fatto che Il tempo è una creazione osservando che Il tempo ha un´estensione, e se non la possiede non sarebbe tempo, ma eternità.
Quindi, afferma che c’é un´incoerenza nella domanda “Cosa faceva Dio prima di fare il cielo e la terra?” (10-13), dice che nella domanda stessa si presuppone temporalità (prima), però Dio è eternom, non è soggetto alla temporalità, dunque nella eternità di Dio non c’è “prima” e si un eterno oggi. Cosí, dice il santo, il tempo non puó misurare alla eternità.
Allora propone un´analisi psicológica del tempo (14-15), come una categoria della ragione umana, con fondamento nella realità, dopo cerca di mostrare come l`uomo apprende il tempo (16-18), il suo aspetto ontologico, tuttavia non parla in questo capitolo.
Egli giustifica tale postura dimostrando che il contenuto del tempo (passato, presente e futuro) somente puó essere analisado dall`uomo nella sua ragione stessa, perché l’analise del tempo (per si) non è possibile all`uomo. “Se il futuro e passato sono, desidero sapere dove sono. Se ancora non riesco, so tuttavia che, ovunque siano, là non sono né futuro né passato, ma presente. Futuro anche là, il futuro là non esisterebbe ancora; passato anche là, il passato là non esisterebbe più.(18)”
La sua analisi psicologica del tempo è spiegata attraverso una tríade: la memoria (il passato), l´intenzione o l´attenzione (il presente) e la spera o l´aspettativa (il futuro), Le tre ci sono presenti nella mente umana.
Quindi, il santo filosofo cerca di capire come l´uomo puó misurare il tempo, e la sua risposta é che lo fa attraverso del carattere psicologico della sua coscenza, vale a dire, la percezione della mente umana, perché il tempo c’è una certa distensione (21-23). Afferma dopo, che il tempo non è il movimento dei corpi, ma misurato per lui (26).
Tuttavia, l´uomo non è coeterno con Dio, perché per Lui non c’è né passato né futuro, ma somente un eterno oggi, che è

Postar um comentário

Google+ Followers

Translate

  © Blogger template Shush by Ourblogtemplates.com 2009

Back to TOP